UN POPOLO IGNORANTE E’ PIU’ FACILE DA COMANDARE!! Noi non diventeremo le loro pecore!

Da sabato 11.10.08,in molte città d’Italia sono state occupate scuole superiori ed università..
E questa protesta durerà fino a mercoledì 22.10.08 .
Dopo 50 anni Firenze riesce ad occupare 15 scuole fra licei e istituti professionali, senza contare le Università.
Stiamo vivendo lo stesso che hanno vissuto i nostri genitori nel ’68,
cerchiamo di farci sentire e di non farci mettere i piedi in testa come già stanno facendo.
 Cerchiamo di non fregarcene, perchè stiamo parlando del nostro futuro.
 
Appuntamenti studenteschi anti-Gelmini CATANIA
A margine della manifestazione del 17, promossa anche a Catania dai sindacati di base, gli universitari che hanno partecipato al corteo, si sono confrontati creando un mini-momento assembleare, ed hanno lanciato i seguenti incontri di mobilitazione.

LUNEDI’ 20, ORE 9:00, FACOLTA’ DI SCIENZE POLITICHE

MARTEDì 21, ORE 9:30, FACOLTA’ DI LETTERE, CONCENTRAMENTO SOTTO GLI ALBERI DAVANTI ALL’AUDITORIUM

PER TUTTI COLORO CHE VOGLIONO INTERESSARSI A CIO’ CHE STA SUCCEDENDO ALL’UNIVERSITA’ ITALIANA:
Il nuovo governo ha approvato il 25 giugno con la fiducia un decreto (poi *legge 133*) che modifica profondamente la struttura dell’università :
1.
Ci sarà un *taglio di 500 milioni* di euro in 3 anni alle università.
    Per alcuni atenei questo potrebbe significare la *chiusura*.
Altrimenti:
2. Con il nuovo decreto le università pubbliche potranno scegliere se
    diventare *fondazioni private* o meno.
    PERCHÈ DOVREBBERO DIVENTARE FONDAZIONI PRIVATE?
3. Per riuscire a finanziarsi *aumentando le tasse agli studenti*,
    che non avrebbero più un limite di legge.
    Le tasse infatti potrebbero aumentare a dismisura,
    anche raggiungendo i *6-7000 euro* l’anno,
    sul modello delle università americane.
    Inoltre le fondazioni verrebbero finanziate da *enti privati*,
    come ad esempio le industrie farmaceutiche
    (forse le sole a poterselo permettere),
    e tali enti finirebbero per tagliare le gambe a tutti quei settori universitari
    e di ricerca che non rientrano nei loro interessi.
    Ma soprattutto sarebbero *le ricerche* a venir danneggiate pesantemente,
    non più spinte dal puro interesse culturale e sociale,
    ma dai fondi messi a disposizione e dalle commissioni dirette degli enti stessi!!
    E IL FUTURO?
4. Università di serie A e di serie B in base alle *disponibilità economiche * degli studenti,
    quindi titoli di studio dal differente peso e possibile perdita del valore legale di questi.
    I collettivi dei vari atenei organizzeranno assemblee per approfondire
    le conseguenze dei cambiamenti in atto,
    portati avanti da *governi sia di destra che di sinistra* di anno in anno,
    che minacciano quella che DOVREBBE ESSERE una
    UNIVERSITÀ LIBERA, PUBBLICA E DI MASSA.
    Gli studenti, i ricercatori e i professori si stanno già muovendo
    e i corsi quest’anno non partono per protesta,
    ma un problema così grave è ancora poco conosciuto.
    Infatti il problema più grave è che nessuno sa niente,
    *i media non ne hanno parlato*, se non per screditare a titolo di *’minoranza’*
    chiunque abbia protestato contro questo assurdo disegno di legge!
    Dobbiamo riuscire a bypassare il muro dei giornalisti e delle
    televisioni controllate da questo governo
    (maggioranza + opposizione, sia chiaro!!)
    *per far sapere*, perché tutto questo non passi indifferente! !
 *AIUTACI! L’UNIVERSITÀ NON È SOLO DEGLI STUDENTI MA DI TUTTI!!!!*  
 
 
DOCUMENTO UFFICIALE: il decreto legge 112/08 articolo 16 Gazzetta Ufficiale ( http://www.camera.it/parlam/leggi/decreti/08112d.htm )
Il decreto è già stato pubblicato da più di un mese sulla Gazzetta Ufficiale quindi È GIÀ LEGGE!
Questa non è una protesta politica ma nell’interesse di tutti Aiutaci a mobilitare tutti perché questo decreto potrebbe
*cambiare irrevocabilmente l’aspetto dell’istruzione italiana* e quindi del paese.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: